A modern family

Guardiamo subito a casa nostra, in Italia, intendo.

Ciò che per noi è “moderno” non lo è per il resto del mondo, proprio perché abbiamo delle tradizioni da sempre restie al termine stesso. Decisamente differente il modo di educare i figli, anche solo varcando il nostro confine, da madre, direi proprio che dovremmo prendere esempio dalle nordiche o croate.

“A modern family” è anche il titolo di una serie televisiva con protagonisti due gruppi famigliari diversi dalla norma ma sani e divertenti.

Voglio dire che ciò che per il nostro Paese è moderno, risulta compassato in altre nazioni, nell’Europa stessa. Anche le nostre famiglie, pur così differenti da quelle dei nostri genitori, risultano ancora restie a determinate situazioni.

Di certo ha a che fare con l’evoluzione culturale ed economica, rimane il fatto che un tempo la famiglia seguiva delle tradizioni molto sentite da tutti e le abitudini erano diverse; ci si trovava a tavola, pranzo e cena, mentre oggi non è facile radunarla, per gli impegni diversi dei membri e gli orari di scuola/lavoro che coincidono poco con il rituale della tavola. Tranne eccezioni per eventi particolari. Nel nostro Paese è più facile trovare ancora il vecchio modo di concepire la vita come un tempo, soprattutto se andiamo in provincia o nel nostro sud.

Mi piace il modo più libero di approcciarsi al concetto di famiglia oggi ma i ricordi migliori li associo ai tempi che furono. Lasciando da parte le abitudini intorno a tavola, è cambiato proprio l’assetto della famiglia moderna, che poi è la base su cui si fonda tutto; dai tempi in cui ero bambina, in cui le coppie separate rappresentavano una rarità, ora è difficile che festeggino i vent’anni di felice unione.

Quindi la “modern family” è caratterizzata da un nucleo familiare decisamente più ampio, perché se le separazioni trai coniugi fanno ormai parte della normalità, ecco che esistono la nuova compagna del papà e/o il nuovo fidanzato della mamma, con altri figli che condividono il nucleo familiare senza troppe complicazioni.

Capita così di conoscere il nuovo amore del papà che ha l’età più vicina a quella del figlio dello stesso o ragazzi che frequentano la medesima scuola/classe e condividono i genitori, da poco tempo. Tutte novità che hanno regalato nuovi assetti e spesso arricchito il clima della famiglia.

Perché siamo tutti d’accordo sul fatto che se le coppie non funzionano più è decisamente meglio romperle piuttosto di rovinare la vita a tutti, soprattutto ai figli.

 

 

 

 

 

You may also like