Attenzione, attenzione!

Allerta meteo! Allerta attentato! Attenzione…

Vivere con i sensi sempre attenti, in attesa che arrivi la catastrofe!

Una vera fatica, e lo sanno bene quelli che devono farlo davvero, perchè una minima distrazione potrebbe mettere fine ai propri giorni!! Chi ha partecipato ad una guerra, intendo quelle vere, non quei giochi durante i quali cerchi di beccare con un arma giocattolo il nemico della squadra opposta!!

La chiamano infatti sindrome del Vietnam ma non è altro che  un disturbo da stress post traumatico, cioè la conseguenza ad un periodo stressante che porti alla situazione di continua vigilanza.

Senza tirare in ballo il PTSD, Post-Traumatic Stress Disorder, oggi siamo un po’ tutti portati ad avere un livello di attenzione così alto.  Ogni evento, anche il cambio di tempo metereologico, viene vissuto in maniera traumatizzante, anche quando reali motivi non esistono.

Ed ecco che l’informazione, ancora una volta, è responsabile dei nostri stati d’animo.

Dipende poi dal carattere e dal livello di stress cui siamo sottoposti ma di certo non aiuta che ogni evento sia preannunciato come attesa di una catastrofe.

Leggevo di uno studio relativo al sonno dei bambini, perché si sa che quando si diventa adulti il rapporto con il dormire si complica. Ebbene, i bimbi dei paesi industrializzati, soprattutto quelli che abitano nelle metropoli non dormono sonni tranquilli e sono stati riscontrarti tantissimi, troppi casi, in cui il sonno non li fa riposare come ne avrebbero bisogno, creando dei veri e propri disturbi.

Si sa che i bimbi vivono di riflesso allo stato emotivo dei genitori ed una famiglia sottoposta a stress eccessivo, anche riguardo il rumore,  non genera sonni tranquilli.

Poi, di contro, ci sono persone che riescono a rilassarsi maggiormente nel caos, rimane però innegabile che trascorrere la propria vita in una realtà agreste, con spazi più grandi ed il solo rumore della natura, sia indice di un dolce dormire, sempre se il gallo non decide ogni mattina di salutare il sole con estrema solerzia!

You may also like