La fretta, nostra nemica!

Iniziamo subito col dire che non è colpa nostra. Su questo non ci sono dubbi, siamo decisamente scagionati!

La fretta: perché quando si vive in un mondo che corre all’impazzata, decidere di precorrere la propria vita lentamente non è solo difficile, risulta quasi impossibile. Poi ci sono persone che caratterialmente sono portate alla velocità ed altre cui già la natura ha regalato un’ inclinazione calma.

Chi, infatti preferisce vivere in luoghi tranquilli, rispetto a persone che amano il caos, ed in quello trovano la propria, personale, lentezza. Non è giusto o sbagliato, essere in un modo piuttosto che nell’altro, come al solito bisognerebbe creare quell’equilibrio, capace di rendere la nostra vita serena, a seconda delle proprie inclinazioni.

Dipende dal luogo in cui vivi, intendo in quale realtà, se cittadina o rurale, se il tuo lavoro ti costringe ad avere a che fare con altre persone che corrono all’impazzata per sopravvivere e naturalmente se la tua famiglia è obbligata a seguire ritmi frenetici, dove la fretta è regina incontrastata, nonostante il desiderio di lentezza.

Di certo sappiamo che non è salutare e che per tutti sarebbe meglio rallentare e seguire il ritmo della natura, che insegna sempre. Noi ci stiamo talmente allontanando dal ritmo del passato che, in realtà, non ci siamo accorti di aver oltrepassato la soglia. Quella che porta al “non ritorno”.

Già, perché non è così facile, di punto in bianco, quando le tue giornate sono scandite dal cronometro, e non dal ciclo del giorno, rallentare senza farsi del male. Un po’ come frenare di colpo un treno ai 450 chilometri orari… Ci vuole un lasso di tempo rispettabile per farlo, senza conseguenze disastrose.

Ecco perché non sono d’accordo sul costringersi a rallentare, a tutti i costi, passando da giornate all’insegna della gara cronometrata all’immobilità assoluta. Esiste una sana via di mezzo, cioè andar dietro al ritmo del pianeta, così veloce, sapendosi però gustare momenti di assoluto relax, chiamiamoli di lentezza, proprio per non dimenticare che le cose migliori vanno gustate con la giusta tranquillità.

 

You may also like