Gli obbiettivi della comunicazione – Parte 1 –

Strategia: necessaria come l’aria per respirare

Iniziamo col dire che avere obbiettivi, in genere, è importante. Intendo nella vita, sapere cosa si vuole, è già un buon inizio. Come raggiungerli è un altro punto, ma andiamo per ordine.

Quante volte mi è capitato di conoscere professionisti che vogliono dare una certa immagine al proprio prodotto o professione e lamentano di non aver avuto il risultato che si aspettavano dalla comunicazione fatta fino a quel momento.

Arrivati a questo punto non sanno cosa fare per due motivi:

  • hanno speso soldi che non hanno dato ritorno quindi sono restii a spenderne ancora
  • non conoscono l’argomento abbastanza a fondo per poter creare una strategia per risolvere la    situazione.

La soluzione esiste: affidarsi a chi, per professione, conosce l’argomento riconosce gli errori commessi e, cosa più importante, ha gli strumenti per far sì che non si ripetano.

Le web agency servono a questo.

Analizzano il motivo per il quale non hai il risultato voluto e può essere a causa del contenuto inesistente, grafica obsoleta, nessun analisi adeguata, pagine social lasciate a loro stesse. 

Gli strumenti tecnologici vi aiuteranno a trovare una strategia adeguata.

Perché è il caso di averne una, ci vuole un piano, quello che gli esperti marketing chiamano business plan.

La scribacchina che c’è in me consiglia di prendere carta e penna perché è così che si imposta un progetto di comunicazione.

Perciò, se avete un sito dal quale non avete avuto alcun ritorno, invece di arrivare alla conclusione errata che “Tanto, la pubblicità non funziona più!” che è un po’ come dire “Ho comprato un paio di Louboutin, nuove, a 100 euro sul web e non sono arrivate, mai più Louboutin in vita mia!”.

Analizziamo i fatti: “La pubblicità” funziona, eccome, ci sono aziende che spendono un’infinità di soldi perchè sanno che questi torneranno indietro, moltiplicati.

E le Louboutin? Per quale motivo avresti potuto comperare delle scarpe da 600 euro a quella cifra? Forse pensavi di ricevere solo le famose suole?!

C’è sempre bisogno di capire e di saperne di più.

Con l’aiuto di capaci professionisti impostate il vostro progetto imprenditoriale ed utilizzate lo strumento della comunicazione come va usato.

Darà risultati sicuri.

Google AdWords è web marketing

Web marketing a piccole dosi

Facendo un passo indietro andiamo dritti nel Web Marketing, e più precisamente, nel Search Engine Marketing, che può aiutarvi ad accrescere il numero di visitatori, la tipologia degli stessi, ed aumentare la visibilità flirtando con i motori di ricerca.

Ma torniamo alle campagne di Google AdWords per capire cosa siano e soprattutto a cosa servano. 

Sono una forma di pubblicità attiva, perché sarete voi a decidere come raggiunge i vostri potenziali clienti  a seconda della tipologia cui mirate, della zona di destinazione che vi interessa, e la gestirete con i tempi che vorrete.

Sono uno strumento onesto di base perché sarete voi a decidere quanto investire e, cosa davvero importante, in base ai risultati avrete modo di regolarvi e spostare il tiro, mentre molti vostri concorrenti staranno ancora cercando una risposta al non ritorno adeguato della propria comunicazione.

Gli esperti del web dicono che questo è solo un anello della catena del marketing, ma pur sempre un anello essenziale. Perché vi permette di raggiungere clienti che non immaginavate nemmeno di poter contattare.

Certo, da solo, non produce granché, perché se gli utenti che fate arrivare alla vostra pagina, che sia sito o ciò che vorrete, non trovano ciò che li soddisfi, allora non funziona. 

Come per qualsiasi prodotto/servizio: se è orrendo e/o non dà risultato avrete fatto un buco nell’acqua.

Per avere risultato effettivo vi potete affidare alle campagne Google, ma la cosa più importante è che vi affidiate a professionisti capaci, in grado di indicarvi la strada migliore per arrivare al risultato che volete.

Possiamo creare una campagna Google Adwords, e gestirla in modo che venga generato un traffico qualificato/specifico/mirato verso il vostro sito, per attirare il maggior numero di clienti possibile ed avere il ritorno che volete.

Uno strumento efficace perché aumentando i visitatori, cioè veicolandoli  ovunque vogliate sul web, può incrementare le vendite online, farvi ricevere più telefonate se è quello che volete, oppure ti servirà a far girare il tuo business e/o fidelizzare i vostri clienti. Non poco, direi.

Gestire i contenuti per la tua comunicazione online è possibile

Qualche regola fa sempre bene

Trattare i contenuti e la loro gestione, usando le 300 parole di questo articolo, potrebbe disturbare chiunque nel settore. Diventa pretenzioso, lo so. L’intera Treccani non sarebbe sufficiente, ma ci sono due/tre concetti sull’argomento di cui vorrei sottolineare l’importanza. Passo per passo toccheremo anche altri punti.

Chiunque sia capace di gestire bene i contenuti per la tua comunicazione sa bene che aiuta il tuo brand ad aggiungere personalità.

Non è un accessorio come qualcuno ancora insiste a considerare: è come un capo spalla, necessario quando esci e ci sono venti gradi sotto zero.

Ma diamo un’occhiata ai contenuti, oggi: non sono soltanto quelli che fan bella mostra sul tuo sito, snelli ed efficaci, interessanti e decisamente glamour.

 

Parola d’ordine CTA!!!

I contenuti sono importanti nel tuo Blog, per i tuoi video e, attenzione a quello che sto per scrivere: non esistono contenuti favolosi che possano vivere isolati da una CALL TO ACTION efficace.

Già, puoi avere visite a non finire, perchè hai fatto tutto per bene, ma se i tuoi followers, quelli che hai attirato tanto faticosamente a te, non cliccano quel benedetto bottone, sei ancora lontano dal tuo obbiettivo.  

Perchè se arrivano a scrivere sul tuo form, ben visibile, non invasivo, allora hai sudato tanto senza dare al tuo corpo alcun beneficio.

 

Qualità, ottimizzazione, ascolto.

Altri concetti/base: la qualità, l’ottimizzazione, ed il fatto che il contenuto del tuo sito deve rispecchiare il carattere dell’Azienda.

Non create contenuti aggressivi per un Azienda che non lo sia, perchè sarebbe come far indossare una minigonna in pelle ad una suora. Oltre a non sortire l’effetto che si vorrebbe/dovrebbe, è controproducente.

E poi l’importanza dell’ascolto, del vecchio briefing, di appunti dove si segnano i toni, gli obiettivi, la storia della realtà in questione. 

Ed ora esce la mia anima scribacchina. Dal momento in cui avete preso infinite note sul Cliente e vi siete fatti dare tanto, ma tanto materiale da leggere ed avete studiato i suoi competitors con attenzione ed un briciolo di ferocia costruttiva, allora potete iniziare. Con il piede giusto.

Facciamo il lifting al sito web?

Pensiamoci seriamente.

 

Un sito web che si rispetti deve adattarsi ad un’infinità di fattori che cambiano col passar del tempo: la tecnologia, i gusti degli utenti, tutto cambia.

Avere un sito web che andava bene tre anni fa non è come mettere un capo d’abbigliamento comperato nello stesso periodo.

É come ostinarsi a mangiare del prosciutto che si trova nella confezione aperta da più di una settimana: puoi anche ingollartelo per fame ma non è una buona idea.

Pensiamo che per rimettere in sesto un sito web sia necessario cambiare tutto e spendere una cifra incredibile? Sbagliato.

In molti casi basta rimodernarne il contenuto, è probabile che nel tempo siano cambiati gli obbiettivi dell’azienda, il target cui rivolgersi.

L’avvento dei dispositivi mobile e delle tecniche di web design responsive hanno reso automaticamente inutili milioni di siti web che non garantiscono una visualizzazione ad hoc su smartphone, tablet, tutti strumenti che usiamo con frequenza, spesso quotidianamente.

Ed i competitors? Cambiano la propria immagine e si rinnovano, sono sempre più agguerriti perché il mercato lo impone. É necessario aggiornare anche la veste grafica e dare in questo modo un look più interessante ed efficace. 

Viene chiamato redesign ma a me piace dargli in nome lifting, perché quello perfetto ti dona un risultato favoloso senza alcun danno all’immagine.

E se il sito web in questione è dinamico basterà davvero un tocco di professionalità, facendo attenzione ad un paio di situazioni per pianificare l’operazione per tempo e sempre in stretta collaborazione con professionisti che padroneggiano la materia.

Questo cambiamento porterà nuove energie, nuovi utenti e nuova e graditissima moneta di ritorno. What else?

Vi è mai capitato di buttare un occhio al sito web di un ristorante per scegliere dove andare a rifocillarsi o per scegliere il posto adatto ad una serata speciale?

Spesso scopro con orrore che il menù nella pagina dedicata, anche in estate, descrive i piatti scelti per la Cena di San Silvestro!

Subito bocciato, perché se sono così attenti anche al cibo che comprano, potremmo passarci una serata in compagnia del mal di pancia, non di certo a godere di un lauto pasto.

Scegliere la migliore web agency per il sito

Facile, direi.

Partiamo dal presupposto che sia una grande opportunità trovare la migliore web agency, quella capace di capire i punti forza, entrare nel vostro pensiero. Anche un po’ affine al vostro carattere, pregi e difetti, per aiutarvi ad emergere.

É come la magia, ed anche vicino alla freddissima matematica, questo per dire che ci sono regole ferree da rispettare e, dall’altra parte, la creatività, che fa la differenza. Ecco, insieme, questi due ingredienti la fanno da padrone.

Solo che per realizzare il tuo progetto, ahimè, c’è un punto base, dal quale partire, che non è di poco conto: cosa sei disposto a spendere.

Purtroppo questo ti catapulta in un range ben ristretto di possibilità. Se vuoi/puoi spendere intorno ai 500 euro non c’è gran futuro: con questa cifra avrai l’occasione di esserci ma non di lasciare il segno.

Tradotto, se spendi pochi soldi e non generi alcun ritorno avrai buttato quei pochi euro. Se decidi, invece, di spendere 5.000 euro per un sito web, e nel primo anno avrai un ritorno di 10.000 euro, avrai generato ben 5.000 euro sull’investimento.

E, si sa, più si investe, più c’è la possibilità di guadagnare. Il tuo futuro merita un prestito, che peraltro potrai restituire quanto prima!

Perché per avere ritorno dal web ci sono standard da rispettare, e professionisti veri, quindi capaci, da pagare. Affidarsi ad una web agency capace è di basilare importanza.

Dipende dai risultati che vuoi ottenere

É sempre e solo una tua scelta, come quella di comperare un paio di scarpe. Infatti, se ti servono per andare al lavoro e tu cammini molto per questo, se ci tieni ad una certa immagine, se vuoi bene ai tuoi piedi che peraltro sono delicati, se non puoi per nessuna ragione spendere di più, allora hai già deciso.

Forse però non hai preso in considerazione altri fattori: per esempio, se piove forte, anche la prima volta che le indossi, sarai costretto a buttarle via. Peccato!